Tabella di dosaggio dei prodotti commestibili: Quanto THC si dovrebbe utilizzare

Tabella di dosaggio dei prodotti commestibili: Quanto THC si dovrebbe utilizzare

Sono molti gli amanti della cannabis a sostenere che non ci sia nulla di paragonabile all'effetto che danno i prodotti commestibili a base di cannabis. Quando si mangiano snack contenenti THC, lo sballo sembra senza limiti. È un'esperienza incredibilmente liberatoria. Il piacere che si prova con un commestibile perfettamente dosato è molto più intenso e piacevole di qualunque vaporizzata o fumata.

Ma sbagliando i dosaggi sui commestibili potete incorrere nella peggiore forma di sovraconsumo di cannabis - un'esperienza dalla quale non esiste una via di fuga facile o veloce. I prodotti alimentari possono offrire sia la migliore che la peggiore esperienza con la cannabis a seconda della quantità consumata. Quindi, come dovrebbe presentarsi una tabella di dosaggio della cannabis commestibile e quant’è un dosaggio sicuro per la cannabis commestibile secondo voi? Continuate a leggere per saperne di più.

Riassunto:
Tabella di dosaggio del THC alimentare
Come calcolare il giusto dosaggio di un edible fatto in casa?
Quanti mg di edibles alla cannabis si dovrebbero mangiare?
Quanto dura lo sballo di un edible?
Cosa succede se unite del CBD e del THC in un prodotto commestibile?
Cosa fare se avete assunto un dosaggio eccessivo di edibles?
Altre raccomandazioni per gli edibles a base di cannabis fatti in casa

Tabella di dosaggio del THC alimentare

Cookies edibles

Per complicare ulteriormente la nostra comprensione dei dosaggi della cannabis commestibile, dovete sapere che gli effetti che accusiamo successivamente non sono unicamente legati alla quantità di THC (e altri cannabinoidi) presente. L'esperienza viene anche in gran parte modellata dalla nostra tolleranza personale al THC. Può variare in base alle dimensioni e dal peso dell’individuo. Una persona più grande può accusare in maniera ridotta lo stesso identico commestibile rispetto a una persona minuta. Il nostro sistema endocannabinoide è unico per tutti, così come lo sono i fattori gastro-intestinali che influenzano l'assorbimento del THC commestibile.

Qual è il dosaggio consigliato di un prodotto commestibile? Molto dipende da quanto frequentemente si fa uso e da quanto THC si consuma di solito. Questo è uno dei motivi principali per cui è così difficile creare una tabella corretta delle dosi commestibili di cannabis "universale". Il dosaggio medio commestibile varia in modo abbastanza significativo da una persona all'altra.

Un consumatore esperto di cannabis che ha un'alta tolleranza sarà abbastanza felice di consumare un commestibile con 100 mg o più di THC. Molti coltivatori domestici raccolgono più cannabis di quanta ne abbiano bisogno, producendo così dai loro raccolti alcuni concentrati come l'olio di cannabis. Alcuni consumatori di olio di cannabis (noto anche come olio di hashish o olio di Rick Simpson ) possono arrivare a consumare più un grammo di olio di cannabis al giorno. L'olio di cannabis contiene il 60% circa di THC, il che significa che 1 grammo di olio fornisce diverse centinaia di milligrammi di THC. Per un consumatore di cannabis esperto ad uso ricreativo o medico è una dose abbondante, ma gestibile.

Al contrario, un consumatore principiante con una tolleranza alla cannabis decisamente più scarsa potrebbe partire da un dosaggio di 1-2 mg e sarebbe molto più sensato. D’altronde potete sempre aumentare il dosaggio la volta successiva se il THC è risultato troppo basso. Se invece consumate un commestibile troppo potente, l'esperienza può diventare paranoica e poco piacevole, capace di mettervi a disagio per diverse ore.

Un consiglio importante è quello di evitare degli spuntini continui a base di cannabis commestibile, perché possono essere necessarie un paio d'ore prima che gli effetti psicoattivi dell’alimento si facciano sentire. Se introducete nel vostro corpo una dose eccessiva di prodotti alimentari in un tempo troppo ravvicinato potreste superare la dose di sicurezza nel momento in cui tutti i prodotti commestibili faranno effetto tra di loro. A quel punto ci sarà poco da fare per invertire il danno, se non aspettare che gli effetti passino.

In sintesi possiamo dire che i prodotti commestibili a base di cannabis hanno il potenziale per farvi provare un’esperienza squisitamente piacevole con un livello di godimento incredibile e di lunga durata. Ma se sbagliate il dosaggio scoprirete che l'esperienza può diventare tutt'altro che piacevole.

Quali sono i tassi del dosaggio di un commestibile in mg? Il grafico qui sotto fornisce un'idea molto approssimativa dei dosaggi con cui la maggior parte delle persone può relazionarsi. Ma bisogna aggiungere che esiste una minoranza di appassionati di commestibili che ama una quantità di THC super elevata, più vicina ai 1000 mg.

Tabella di dosaggio dei edibili al thc

Come calcolare il dosaggio di un prodotto commestibile? Il grafico qui sopra vi dà un'idea approssimativa  sulle tipologie degli effetti e della loro durata. Ma ovviamente si tratta solo di una guida. Un forte consumatore di cannabis potrebbe tranquillamente consumare delle quantità di THC ancora più elevate di quelle mostrate qui sopra. Vale anche la pena affermare che la durata degli effetti della cannabis tende ad aumentare con il dosaggio. Qualcuno a cui viene somministrata una dose molto alta di THC commestibile potrà sentirne gli effetti ancora il giorno seguente, 24 ore dopo.

Quando trovate un corretto dosaggio, l'esperienza può risultare molto più profonda e piacevole di quella che si potrebbe ottenere fumando o vaporizzando. Ecco perché molti amanti della cannabis trovano che gli edibles a base di THC siano una vera delizia.

Come calcolare il giusto dosaggio di un edible fatto in casa?

Come calcolare il dosaggio di un prodotto commestibile a base di THC è il compito più importante, e a volte il più difficile. Saranno la vostra taglia ed il vostro peso, così come la vostra tolleranza alla cannabis, a determinare quale sia l’esatto dosaggio di THC commestibile secondo le vostre necessità. La regola d'oro dei prodotti commestibili a base di cannabis è quella di partire con un dosaggio minimo al primo tentativo. Se poi non sentite alcun effetto (oppure se gli effetti sono minimi) allora potete aumentare il dosaggio la volta successiva. Ricordate bene che il modo peggiore e più sconsiderato per avvicinarsi ai prodotti commestibili a base di cannabis è partire con una quantità elevata. Un altro errore comune è quello di non dare il tempo sufficiente al primo commestibile ingerito di fare effetto prima di consumarne un altro. Lasciate passare almeno 3 ore dopo aver consumato un edible prima di prenderne un altro. E anche allora, fatelo con cautela.

Non esiste nessuna tabella dei dosaggi che possa tener conto della vostra taglia, della vostra tolleranza al THC, del vostro sistema endocannabinoide e dei fattori gastrointestinali. Ecco perché ogni consumatore responsabile di cannabis commestibile dovrebbe iniziare con una quantità minima e piano piano aumentare il dosaggio.

Chi vive dove la cannabis è "legale" come gli USA o il Canada può tranquillamente acquistare i prodotti commestibili a base di cannabis nei negozi autorizzati. Lì potete scegliere prodotti commestibili che vanno da 1 mg a 1000 mg. La maggior parte dei consumatori ritiene che la quantità di THC commestibile preferita oscilli tra 1 e 100 mg. Ma ovviamente esistono anche i consumatori di edibles più hardcore che preferiscono delle quantità molto elevate arrivando anche a superare i 1000 mg. Spesso, delle dosi così elevate vengono somministrate semplicemente ingerendo delle capsule contenenti olio di cannabis. Ma possiamo assicurare che le torte, i cioccolatini e i pasticcini cucinati in modo professionale che contengono THC sono assolutamente deliziosi.

Vale la pena dire che delle dosi molto elevate di THC nei prodotti commestibili si addicono solo ad una piccola minoranza, infatti per la maggior parte delle persone una dose eccessiva si trasformerebbe in un’esperienza sgradevole, ben lontana dalla sensazione rilassante che dovrebbe essere. Al contrario alcune persone sono ultra-sensibili al THC e trovano che una dose di 1-2 mg sia ottimale per un momento rilassante e distensivo.

Correlati:
What are cannabis edibles?

Quanti mg di edibles alla cannabis si dovrebbero mangiare?

Quant’è il giusto dosaggio di THC in un commestibile? Per la maggior parte dei consumatori il dosaggio di un commestibile suggerito va da 1 a 100 mg di THC, che risulta più o meno la quantità universalmente corretta. Esiste una minoranza che preferisce spingersi oltre i 1000 mg, ma va detto che 1 gr di THC può durare un giorno intero e può avere strascichi ancora il giorno successivo.

A quanto ammonta un dosaggio “normale” di THC commestibile? A chi ha la fortuna di vivere in un luogo in cui i prodotti commestibili a base di cannabis sono legali consigliamo di partire acquistando edibles dalla quantità bassa, da 1 a 2 mg. Non tentate di aumentare la dose troppo rapidamente. Prendetevi il vostro tempo, magari in più sessioni, e cercate di trovare il giusto dosaggio di THC per le vostre esigenze. Nel dubbio fate attenzione a non sbagliare. La maggior parte delle persone ritiene che un dosaggio corretto di THC commestibile è compreso tra 1 e 100 mg.

Correlati:
Come consumare cannabis in modo sicuro e salutare

Quanto dura lo sballo di un edible?

Chocolate cookie edibles

Molto dipende dalla vostra tolleranza personale alla cannabis e da altri fattori fisiologici come la vostra taglia, il vostro peso, alcuni fattori gastrointestinali e il vostro sistema endocannabinoide personale. Molti intenditori di edibles amano particolarmente lo sballo che ne deriva, poiché fornisce un forte effetto che dura svariate ore. Il dosaggio di un prodotto commestibile per chi è abituato al THC comunque varia in base al tipo di uso. Ad esempio, il dosaggio di un edible per un consumatore che ha un’alta tolleranza potrebbe essere tra i 500 e i 1000 mg. Con una tale quantità di THC l'high potrebbe durare anche tutto il giorno, con degli strascichi che potrebbero continuare fino al giorno successivo.

Quanti mg dovrebbe assumere un consumatore la prima volta? Un consumatore meno esperto può iniziare con un solo milligrammo o due di THC e sperimentare con una prima esperienza relativamente soave e più breve. Vale la pena aggiungere che il corpo umano metabolizza il THC dalla cannabis commestibile in un modo completamente diverso rispetto ad un vaping o ad un joint. Quando viene assimilato per via orale, il THC viene metabolizzato direttamente nel fegato in 11-Hydroxy-THC. Quando viene vaporizzato, l’effetto è diverso e più rapido. Chiunque sia interessato a saperne di più sui percorsi metabolici del THC nel corpo umano troverà utile questo documento di ricerca.

Cosa succede se unite del CBD e del THC in un prodotto commestibile?

Alcuni intenditori di cannabis commestibile riferiscono che la presenza di un po’ di CBD rende l'esperienza leggermente più dolce. Lo sballo sembra più arrotondato e per alcuni è meno "tagliente" e più piacevole. Il dosaggio di un commestibile a base di CBD, proprio come il THC, dipende molto dall'individuo, dalla sua fisiologia e dal suo passato di utilizzo e di esperienza con la cannabis. Il CBD non è psicoattivo, quindi non dovete preoccuparvi degli effetti "troppo high" come può accadere con il THC.

Se volete aggiungere del CBD ai vostri prodotti commestibili, potete acquistare dell'olio al CBD online oppure in un grow-shop oppure in una parafarmacia e potete semplicemente aggiungerlo senza esagerare alla vostra ricetta di edibles. Oppure potete direttamente comprarvi dei semi di cannabis ricchi di CBD, produrre il vostro raccolto e successivamente convertirlo in prodotti commestibili.

Con un'attenta preparazione è possibile confrontare i diversi effetti derivanti dall'aumento graduale della quantità di CBD all’interno del vostro commestibile. Se vi piace un edible che contiene 10 mg di THC, potrete confrontare (in giorni diversi) l’effetto che vi fanno le diverse quantità di CBD aggiunte. Alcune persone preferiscono un rapporto 1:1 di CBD:THC, ma questo varia da persona a persona.

Cosa fare se avete assunto un dosaggio eccessivo di edibles?

Che cosa succede se mangiate un prodotto commestibile ad alto dosaggio un po' troppo forte per voi? Purtroppo non c'è molto che si possa fare, a parte cercare di rimanere calmi e tranquilli ed aspettare che gli effetti svaniscano. Il che può richiedere diverse ore se avete davvero esagerato con il dosaggio di THC commestibile. Sicuramente dormire un po' e lasciare che gli effetti piano piano svaniscano, è un modo semplice per uscire da questa situazione a volte spiacevole.

Related:
Perché una quantità di THC maggiore non sempre ti fa sentire più high

Altre raccomandazioni per gli edibles a base di cannabis fatti in casa

Sweet cannabis edibles

Potete trovare tantissime ispirazioni sui prodotti commestibili a base di cannabis online. Ci sono anche libri dedicati all'argomento. Le ricette a base di cannabis usano l'erba come ingrediente grezzo, oppure l'olio di cannabis. Alcune persone producono del kief commestibile, il dosaggio dipende dalle preferenze di ognuno. Altri amano poter assaporare il gusto di cannabis nei loro prodotti commestibili, altre invece preferiscono gli alimenti che non hanno quel forte sapore di cannabis. Si possono fare degli alimenti salati, oppure dolci come la torta ricca di THC, conosciuta come Space Cake, che potete trovare spesso in vendita nei coffee-shops olandesi.

Correlati:
How to make the best space cake

Quanti edibles potete mangiare se non ne conoscete il dosaggio? Se non siete sicuri del dosaggio è meglio non rischiare di mangiarli affatto. Nessuno vorrebbe incappare nel disagio di mangiare un edible che è semplicemente troppo forte per risultare piacevole.

Prodotti commestibili a base di cannabis. Quando trovate il dosaggio perfetto, sono davvero imbattibili!

Il messaggio principale a chiunque sia nuovo ai prodotti commestibili a base di cannabis è quello di iniziare con una quantità decisamente bassa e valutare l'esperienza prima di considerare l’assunzione di qualunque edibles ad alto dosaggio. L'high di un commestibile a base di cannabis sale gradualmente e offre svariate ore di gioia, felicità e relax fisico. Molti amanti della cannabis sostengono che quando riescono a trovare la quantità perfetta di un prodotto commestibile la delizia che ne deriva è davvero difficile da battere.

Trovate il livello di THC che fa per voi ed evitate la tentazione di esagerare con il divertimento. Il modo più economico per fare l'olio di cannabis o il cannabutter (burro di cannabis) usato in molte ricette commestibili è quello di coltivare la propria erba a casa con dei semi autofiorenti o femminizzati. Se state pianificando un raccolto date un'occhiata alla nostra collezione di semi di cannabis e buona fortuna!

Tabella di dosaggio dei prodotti commestibili: Quanto THC si dovrebbe utilizzare
Dicembre 18th 2020
Categorie : Prodotti Cannabici

lascia un commento

comments

Day

17/05/2021 19:18:59

I find that if I eat or smoke too much TCH and I am uncomfortably high, I eat a bowl of ice cream and it will bring me down much quicker, to a place where I can actually enjoy my high. I keep ice cream in my freezer because I'm adventurous when looking for the right amount of THC for pain. Hope this helps whoever comes across it.