Capire i fenotipi, i genotipi e i chemiotipi della cannabis

Capire i fenotipi, i genotipi e i chemiotipi della cannabis

Vi è mai capitato di raccogliere una varietà di cannabis talmente buona da volerla coltivare di nuovo sperando di ottenere esattamente lo stesso risultato? Invece nel raccolto successivo avete la sorpresa di trovarlo leggermente diverso da quello precedente. La struttura delle cime Sativa che tanto vi erano piaciute potrebbero avere dei fiori leggermente più grossi e a dominanza Indica. È lo stesso seme di cannabis, quindi cos’è successo?

Riassunto:
Cosa sono i fenotipi della cannabis anche detti feno?
Perché si usano i fenotipi per descrivere le varietà di cannabis?
Qual è la differenza tra genotipi e fenotipi?
Influenze ambientali sui fenotipi delle piante di cannabis
Facile guida di breeding per selezionare un fenotipo di cannabis
Semi di cannabis, fenotipi e genotipi

Cosa sono i fenotipi della cannabis anche detti feno?

Sono due i fattori ad influenzare il modo in cui ogni pianta di cannabis cresce: la genetica e l'ambiente.

La composizione genetica della pianta, chiamata anche genotipo, definisce il tipo di crescita che avrà la pianta. Il genotipo permette alla pianta di esprimere una gamma di possibilità diverse di crescita. Ma è l'ambiente interno specifico fornito da voi (o le condizioni esterne, per i coltivatori outdoor) che permette ad un particolare tipo di caratteristica di esprimersi e dominare.

Questa espressione fisica di un particolare genotipo è chiamata fenotipo. E si tratta semplicemente dei tratti che l'ambiente estrae dalla genetica della pianta. L'ambiente, quindi, può influenzare svariate proprietà delle piante, tra cui il colore, la forma, l'odore e la produzione di resina.

La nostra guida alle genetiche di cannabis spiegherà come le piante di cannabis e i suoi fenotipi successivi si siano evoluti dalle varietà primordiali alle genetiche moderne della cannabis odierna.

Si spera che ciò vi aiuti a comprendere qualcosa in più sulle caratteristiche della definizione di ogni varietà e delle tante sottili differenze nei fenotipi dell'erba cresciuta da quella stessa varietà.


Frisian Dew green and purple phenotype



Perché si usano i fenotipi per descrivere le varietà di cannabis?

Prima dell'intervento umano, la cannabis cresceva naturalmente e si adattava alle specifiche condizioni climatiche e ambientali che incontrava. Le varietà Indica si adattavano alle condizioni più dure e fredde e crescevano bene nelle regioni montuose, producendo spesso piante corte e tozze. Queste piante spesso avevano delle foglie larghe e fiorivano più velocemente delle sativa. Le varietà sativa invece si adattavano alla selezione naturale per poter affrontare bene le condizioni della giungla tropicale, spesso producendo piante alte dalle foglie più sottili.

Siccome i breeders di cannabis hanno incrociato queste varietà, è diventato chiaro che le nuove varietà ibride potevano produrre un’ampia gamma di fenotipi e genotipi. Per alcuni coltivatori, avere un'ampia selezione di fenotipi diversi nella loro grow room è un grande vantaggio. La diversità offre una scelta di sapori, aromi e di highs. Tuttavia, molti coltivatori (soprattutto i coltivatori commerciali su larga scala) danno un valore molto alto ad un raccolto di piante quasi identiche e molti preferiscono usare cloni piuttosto che semi.

Fenotipo Upright : 

Un fenotipo verticale è il termine usato di solito per un fenotipo di cannabis con una struttura più alta e snella, che mostra più caratteristiche sativa rispetto ad un fenotipo cespuglioso e più corto, a dominanza più indica.

Four different phenotypes of Kerosene Krash


Qual è la differenza tra genotipi e fenotipi?

Le piante e gli animali si sono sviluppati secondo lo stesso principio di base dell'evoluzione. All'interno di ogni organismo vivente c’è un codice genetico nel DNA, noto come genotipo. Non tutte le piante di cannabis con lo stesso genotipo hanno lo stesso aspetto. Questo perché l'aspetto della pianta è influenzato dalle condizioni di coltivazione e dall’ambiente esterno. Allo stesso modo, non tutte le piante di cannabis che condividono lo stesso aspetto esterno hanno lo stesso genotipo.

Il genotipo (codice genetico) porta le informazioni genetiche essenziali che controllano la crescita e l'aspetto della pianta di cannabis. Il genotipo non è un insieme rigido e irremovibile di istruzioni genetiche a cui la pianta di cannabis deve obbedire a tutti i costi. È più preciso pensare al genotipo come ai confini genetici di base che definiscono una gamma di possibilità. L'ambiente di coltivazione dato alla pianta definisce quali parti specifiche del genotipo saranno disponibili all’uso.


Four different different phenotypes of Sugar Bomb Punch


Genotipo + Ambiente + Interazioni del genotipo = Fenotipo

Un seme di Blueberry femminizzato potrebbe crescere in una pianta che produrrà bellissime sfumature blu sui fiori e sulle foglie nel vostro giardino outdoor. Ma lo stesso identico seme, se fosse coltivato indoor con temperature più alte, potrebbe non esprimere mai quei colori. Il modo in cui cresce il seme di Blueberry, l'ambiente esterno fornito e le interazioni tra la pianta e l'ambiente stesso sono i fattori che ne determinano il fenotipo.

Anche se il genotipo Blueberry si porta con sé le informazioni genetiche che producono i colori blu e viola nelle cime, sarà l'ambiente esterno (e nello specifico la temperatura in quell'ambiente) che ne facilita la colorazione. Le versioni verdi e blu della Blueberry sono fenotipi diversi della stessa varietà. Anche altre varietà viola come la Purple #1 e l’Auto Blackberry Kush mostrano espressioni cromatiche che possono essere influenzate dalle condizioni ambientali.

Un buon modo di pensare al fenotipo della cannabis e a come si presenta è la seguente equazione:

Fenotipo:
(Genotipo della pianta + ambiente esterno)
 + interazioni del genotipo con l’ambiente 

= fenotipo

Influenze ambientali sui fenotipi delle piante di cannabis

Il fenotipo della cannabis descrive l’aspetto esterno e la forma fisica della pianta, la sua crescita evolutiva, la sua biochimica e il suo comportamento. Il fenotipo di uno specifico ceppo di cannabis deriva da due fattori fondamentali: il genotipo (o codice genetico) e l'influenza dei fattori ambientali esterni. Entrambi i fattori possono interagire tra loro, influenzando ulteriormente il fenotipo.

Alcuni geni producono un particolare fenotipo di cannabis solo in specifiche condizioni ambientali. Ad esempio la colorazione viola a temperature più fredde. Altri invece potrebbero essere il risultato di molteplici influenze ambientali. Come ogni coltivatore di cannabis esperto vi dirà, l'ambiente gioca un ruolo importante nel determinare la qualità complessiva, la produzione di resina, l'aroma, i colori e le dimensioni della vostra pianta di cannabis. Potreste avete fra le mani la genetica per una varietà ad altissimo rendimento come l'Auto Ultimate, ma se le piante vengono coltivate in condizioni ambientali inferiori agli standard, il pieno potenziale genetico della pianta non verrà mai completamente raggiunto.

Se coltivate dei cloni in due ambienti diversi, con differenti sistemi di coltivazione, diversi nutrienti e terreni di coltura otterrete risultati finali diversi.

Addirittura dando dei cloni di cannabis identici a due coltivatori diversi con condizioni di coltivazione differenti vedrete che le piante da loro prodotte, pur condividendo la stessa identica genetica, potrebbero apparire completamente diverse l'una dall'altra a causa del modo in cui l'ambiente manovra e influenza la crescita delle piante. Anche la minima differenza nella selezione e nell’utilizzo dei fertilizzanti avranno un effetto sulla crescita della pianta e sul risultato finale.

Dato che addirittura le talee di cannabis possono avere un aspetto molto diverso se coltivate in grow-room diverse, non vi sorprenderà se la stessa confezione di semi di cannabis darà risultati diversi da un coltivatore all’altro. Anche quando la genetica è stata stabilizzata e incrociata professionalmente da una delle migliori banche del seme, addirittura in condizioni di coltivazione ottimizzate potrete trovare delle variazioni tra le piante coltivate da seme.


Passion #1 huge big yielding phenotypes strong in THC

Perché i miei semi cannabis crescono in modo diverso anche se le condizioni rimangono identiche da coltivazione a coltivazione?

Anche i produttori di cannabis autorizzati con grow-rooms multimilionarie fanno fatica a mantenere un ambiente identico da una coltivazione all'altra, da un anno all'altro. Le temperature spesso variano da una coltivazione all'altra a seconda delle stagioni. L'umidità è un altro fattore chiave che influenza l'ambiente di coltivazione. Anche l’illuminazione della grow room spesso oscilla, le lampadine HPS mostrano un rendimento ridotto in modo misurabile dopo ogni coltivazione.

Anche lievi variazioni di intensità luminosa all’estremità della grow-room influenzano le caratteristiche genetiche che esprimono le piante. I coltivatori che utilizzano magazzini pieni di cloni noteranno differenze nella produzione e nel contenuto di cannabinoidi, poiché le loro condizioni ambientali variano da una coltivazione all'altra. Le comunità di coltivatori spesso condividono tra loro i cloni di piante madri speciali e di solito queste piante, nonostante la genetica sia identica, crescono in modo diverso a terra, nel cocco o con coltura idroponica. Anche i cloni di cannabis hanno l’aspetto finale manovrato dalle condizioni ambientali in cui vivono.

E per quel che riguarda i fenotipi autofiorenti?

Anche i semi autofiorenti esprimono diversi fenotipi, proprio come i semi di cannabis femminizzati. Quando si coltivano semi autofiorenti troverete svariati fenotipi di erba. Bisogna notare però che i semi autofiorenti hanno un ciclo di vita fisso. Se le piante vengono danneggiate a causa di condizioni non ottimali (mancanza di spazio per le radici, ambiente di coltivazione estremo, scarsa nutrizione, ecc) le piante potrebbero rimanere compromesse per sempre. Questo non deve essere confuso con la variazione del fenotipo della cannabis.


Auto Night Queen Autoflower cannabis seeds phenotypes


Facile guida di breeding per selezionare un fenotipo di cannabis

Come scegliere il miglior fenotipo dai semi di cannabis

Solo guardando un seme di cannabis non vi dirà nulla sul risultato che ne otterrete. Dovrete invece fidarvi della competenza e dell’esperienza dell'azienda produttrice di semi di cannabis dove li acquisterete. Una buona banca del seme avrà alle spalle decenni di esperienza di serietà nel breeding. Sapranno come stabilizzare ceppi di cannabis che produrranno un insieme limitato di piante piuttosto simili dalla stessa fonte genetica. In ogni caso, troverete delle differenze da una pianta all’altra. È sempre così quando si coltiva da seme. Ma una varietà ben stabilizzata mostrerà una gamma di risultati più ristretta rispetto a una varietà di semi instabile realizzata con tecniche di breeding inferiori agli standard.

Perché si usa il fenotipo per descrivere le varietà di cannabis?

Da quando i coltivatori di cannabis hanno iniziato a coltivarla, hanno notato piccole differenze tra le singole piante. La parola greca "pheno" significa "mostrare". Il fenotipo è una semplice descrizione che spiega queste variazioni o "tipi".

Come e quando si determina un fenotipo di cannabis

La maggior parte dei coltivatori tende a piantare semi e si concentra nell’assicurarsi che le condizioni di coltivazione siano il più ottimizzate possibile. Una volta ha fornito le migliori condizioni di coltivazione indoor, la produzione spetta ai semi di cannabis. I fenotipi di cannabis della coltivazione precedente non determineranno i fenotipi della coltivazione successiva. Quindi, se avete trovato il fenotipo di cannabis dei vostri sogni, e volete conservarla, fatela ri-vegetare e prendetene delle talee.


Frisiand Duck duckfoot stealth leaves


Come individuare i diversi fenotipi della cannabis

Se coltivate un pacchetto di 10 semi di cannabis ibridi femminizzati, probabilmente alla fine potrete raggruppare le piante in alcune categorie generali. Potreste notare un paio di fenotipi a dominanza sativa più alti e più allungati, ma potreste anche trovare qualche fenotipo più compatto, cespuglioso e decisamente più basso con una dominanza più indica. Vedrete che il resto delle piante saranno a metà strada tra i due, mostrando un fenotipo ibrido di cannabis. Tuttavia, un coltivatore attento saprà distinguere i diversi fenotipi anche da quelle piante che mostrano fenotipi ibridi equilibrati.

Ogni seme è un fenotipo di cannabis diverso?

No, se il breeding è stato fatto bene. Una banca del seme professionale avrà speso parecchio tempo ad incrociare e stabilizzare i suoi semi di cannabis per renderli il più omogenei possibile.

Quando si stabilizzano degli ibridi di cannabis, quanti fenotipi diversi possiamo trovare?

A meno che non stiate coltivando da cloni dovrete sempre aspettarvi diversi fenotipi. Da una varietà di cannabis stabilizzata accuratamente potrete aspettarvi circa 3 o 4 fenotipi principali in una confezione di 10 semi di cannabis. Occasionalmente si trovano fenotipi di erba insoliti e rari, caratterizzati da un aspetto, un gusto o un aroma insolito, e spesso risultano i più pregiati.

Come si ottiene un fenotipo viola di cannabis?

Intanto dovrete iniziare con dei semi di cannabis noti per produrre dei fiori viola, come l’Auto Blackberry Kush. Utilizzando delle temperature più basse durante le ore notturne (ad esempio spegnendo le luci) è un buon modo per massimizzare le possibilità di ottenere dei fenotipi di cannabis viola. Oppure un altro modo potrebbe essere quello di coltivare i semi di cannabis outdoor in un periodo o in un luogo che ha delle temperature notturne più fredde.

Correlati:
Growing cannabis outdoors


Auto Blackberry Kush purple phenotype


Semi di cannabis, fenotipi e genotipi

Ogni seme di cannabis ha il suo genotipo unico che condiziona la risposta finale alle condizioni delle grow-room a loro fornite (o alle condizioni outdoor). Molti coltivatori si aspettano che i semi della stessa varietà di cannabis abbiano una genetica assolutamente identica ed una crescita identica. Considerando ciò che sappiamo sui genotipi e sulla loro crescita successiva, questa aspettativa è quantomeno fuori luogo.

Molti coltivatori usano il termine fenotipo per descrivere le variazioni che ottengono da una stessa varietà di semi di cannabis. Tuttavia, può essere utile pensare a loro come a dei genotipi diversi. Ciò accade perché non è solo l'ambiente che guida l'espressione di un certo fenotipo, ma anche il genotipo.

Acquistando semi di cannabis di una particolare varietà, in realtà si acquista una collezione di membri della famiglia di quella specifica varietà, che condivideranno una genetica molto stretta con migliaia di fratelli e di sorelle. Ma è importante capire che non si tratta di fratelli e sorelle identici. I genotipi posseduti nei semi di cannabis sono solitamente molto simili, con piccole ma cruciali differenze.

Proprio come i gemelli della nostra specie possono condividere una genetica comune dagli stessi genitori, ma ognuno ha la sua personalità ed il suo aspetto distinti, modellato in parte dall’ambiente che li circonda, dalla dieta e dalle condizioni che gli sono state date durante la crescita. Esattamente come i fenotipi della cannabis.

Correlati:
What does the appearance of a cannabis seed indicate


Genotypes in the cannabis seeds are usually very close, with small but crucial differences


Semi di CBD, semi di THC e chemiotipo

Un termine relativamente nuovo nella comunità della cannabis è il chemiotipo (chemotype). Siccome i breeders di cannabis hanno iniziato a coltivare selettivamente le piante di cannabis per la loro ricchezza di specifici cannabinoidi, ad esempio il CBD, le analisi di laboratorio hanno mostrato invece che il tipo di cannabinoidi poteva variare notevolmente.

Alcuni semi potrebbero produrre un risultato ricco di CBD, altri un risultato ricco di THC e il resto potrebbe risultare a metà strada con un rapporto 1:1 di THC:CBD. Una delle sfide dei breeder è quella di stabilizzare i cannabinoidi con il chemiotipo desiderato. Ad esempio quello di ottenere un rapporto 1:1 di THC:CBD.

In futuro sarà possibile vedere semi di cannabis che produrranno piante ricche di altri cannabinoidi come il CBD-V, il CBG e altri ancora.

Ottimizzare le condizioni di coltivazione e i fenotipi della vostra cannabis

Non saprete mai quali fenotipi di cannabis otterrete nel momento in cui inizierete a coltivare. Ma ciò che potete fare è massimizzare le vostre possibilità utilizzando semi di cannabis di alta qualità provenienti da una banca del seme con una solida esperienza. Potete anche ottimizzare le condizioni della vostra grow room. Utilizzare luci da coltivazione a LED è anche un modo assicurato per portare la qualità del vostro raccolto ad un livello successivo grazie allo spettro ottimizzato e alla riduzione dello stress da calore.

Potete anche provare a semplificare la vostra coltivazione passando al biologico con i fertilizzanti di aziende come la BioTabs. Vi permetterà di coltivare facilmente senza misuratori di PH o di EC, vi basterà aggiungere una leggera fertilizzazione vicino alla fine della fioritura. Non solo BioTabs rende più facile la vostra coltivazione, ma noterete anche un gusto ed un aroma superiori.

Correlati:
How to optimise your cannabis growing conditions

Capire i fenotipi, i genotipi e i chemiotipi della cannabis
Luglio 17th 2020
Categorie : Pianta di Cannabis

lascia un commento