Come produrre hashish con il ghiaccio secco

Come produrre hashish con il ghiaccio secco

Vuoi saperne di più su come produrre hashish con ghiaccio secco (pellets di anidride carbonica)? Questo articolo fa proprio al caso tuo! Per molto tempo, il metodo acqua/ghiaccio è stato il modo più comune di produrre hashish, ma questo metodo ha uno svantaggio: l’hashish prodotto si presenta come un impasto umido che deve essere fatto asciugare per un paio di giorni. Utilizzando il ghiaccio secco si può produrre dell’hashish da gustare immediatamente in modo facile e veloce. Molti intenditori, inoltre, affermano che il ghiaccio secco aiuta a mantenere meglio il gusto e il sapore. Questo significa che l’hashish migliore che si possa ottenere è quello prodotto con ghiaccio secco, ma per ottenere questo miglioramento vale la pena di affrontare il problema aggiuntivo dell’uso di questo materiale?

Come fare l’hashish con il ghiaccio secco.

Il ghiaccio secco non è altro che anidride carbonica (CO2) solidificata. Non è infiammabile e si può acquistare in farmacia o online. Nel secondo caso, viene imballato in speciali contenitori di polistirolo che lo mantengono sufficientemente fresco da sopravvivere alla spedizione. Il ghiaccio secco ha una temperatura di circa -78°C (-109°F). Può provocare gravi danni alla pelle, quindi è consigliabile utilizzare occhiali di protezione e guanti spessi, come ad esempio quelli da cucina (i guanti in lattice, ovviamente, non bastano a proteggersi da temperature così estreme).

Per far congelare le ghiandole resinose delle proprie infiorescenze, bisogna triturarle e metterle in un secchio, aggiungendo poi il ghiaccio secco. Questo renderà le ghiandole resinose più fragili e le aiuterà a staccarsi dalle infiorescenze e dalle foglie. Si possono raccogliere i tricomi utilizzando le tradizionali hash bags. Queste sacche a rete sono progettate per produrre hashish col metodo acqua/ghiaccio, ma funzionano benissimo anche se si usa il ghiaccio secco. Possono essere acquistate online e sono disponibili in set di varie dimensioni come, ad esempio, 73μ, 160μ e 220μ. Una delle attrattive del metodo del ghiaccio secco è che così si può produrre hashish in modo facile e veloce, e alla fine non c’è bisogno di aspettare che il panetto si asciughi: basta raccoglierlo e gustarselo.

L’hashish prodotto con il ghiaccio secco ha un gusto intenso e ricco, adorato dagli intenditori, i quali sostengono che con il metodo acqua/ghiaccio si rischi di perdere parte del sapore e dei terpeni nell’acqua. Con il ghiaccio secco non c’è alcuna perdita e le temperature ultra basse preservano completamente il sapore delizioso dell’hashish. Se non l’avete provato, non sapete cosa vi siete persi!

 

How to make hash with dry ice? 

Hashish prodotto con l’estrazione a ghiaccio secco.

L’hashish non è altro che composto di tricomi rimossi dalla cannabis. Ad alcuni piace fumare o vaporizzare queste ghiandole resinose senza comprimerle (il cosiddetto “Kief”), altri le appallottolano per formare una panetta di fumo lucida e appiccicosa. Di solito l’hashish ha un colore marrone chiaro, ma questo può variare a seconda della sua purezza. Più grandi sono le maglie delle hash bags, più hashish si raccoglie, ma si prende anche molto altro materiale vegetale. Le hash bags dalle maglie più strette conterranno molto meno materiale, ma una percentuale più alta di ghiandole resinose. Più piccolo è il valore in micron della sacca, minori saranno le possibilità di trasformare anche il materiale vegetale in hashish.

In generale, più materiale verde c’è, meno potente è l’hashish. Di solito l’hashish più potente si produce con le sacche dalle maglie più strette, come quella da 73μ, che raccoglie la maggior parte dei tricomi e una minima parte di materiale vegetale. L’hashish prodotto in questo modo ha di solito un colore ambrato o marrone chiaro.

 

 
How to make hash with dry ice?


Cosa ti serve per produrre l’hashish con il ghiaccio secco.

Per produrre in casa hashish con ghiaccio secco servono:

  • Infiorescenze e foglie di cannabis triturate
  • Un secchio pulito
  • Un ambiente di lavoro ben ventilato
  • Hash bags e/o bubble bags
  • Guanti da forno resistenti, occhiali di sicurezza e un abbigliamento a maniche lunghe
  • Circa 1 kg di ghiaccio secco (2-3 libbre)
  • Una superficie piana e pulita su cui agitare le hash bags
  • Un raschietto per raccogliere le ghiandole di resina quando si svuotano le hash bags

Metti le infiorescenze triturate nel secchio, aggiungi i pellet di ghiaccio secco e mettici sopra le hash bags, shakerando tutto per bene. Il ghiaccio secco raffredderà le infiorescenze, congelando i tricomi che, a queste temperature ultra basse, diventano fragili e simili al vetro. Il movimento li rimuoverà e, rovesciando il secchio a testa in giù, sarà possibile raccoglierli nelle hash bags.

In seguito, togli le hash bags e ribalta il “raccolto” su una superficie di lavoro, raschiandolo via dalle sacche. È bene ripetere il processo finché non si rimuove altro hashish, per essere sicuri di averlo estratto tutto. Se necessario, si possono aggiungere altri pellet di CO2. Dopodiché, potrai tenere il risultato come Kief sciolto o comprimerlo in una pallina di hashish.

 
How to make hash with dry ice?


Norme di sicurezza da rispettare quando si produce hashish con il ghiaccio secco.

Poiché si utilizzerà un sacco di anidride carbonica (e i polmoni avranno bisogno di tanto ossigeno) è consigliabile utilizzare un locale ben ventilato o, meglio, un’area esterna come un garage. In una stanza chiusa, la mancanza di ossigeno potrebbe essere pericolosa, quinti è fondamentale assicurarsi di avere un’ottima ventilazione. Ricordate che il ghiaccio secco può causare danni gravi e istantanei alla pelle e agli occhi. Per queste e per molte altre ragioni, molti appassionati sono più che felici di lasciare questo lavoro ai professionisti. Il ghiaccio secco non deve essere conservato in contenitori sigillati, poiché potrebbe riscaldarsi ed espandersi, facendoli esplodere e va smaltito in modo sicuro (evitare, per esempio, di buttarlo nella toilette o nel lavandino, poiché potrebbe congelarli) lasciando i pellet indesiderati vicino a una finestra, una porta o direttamente in giardino, dove evaporeranno naturalmente.

Produrre hashish con ghiaccio secco: il modo più veloce di fare l’hashish.

Quello del ghiaccio secco è un modo veloce di produrre hashish. Dopo aver messo il materiale vegetale in un secchio pulito con il ghiaccio secco bastano pochi minuti per ottenere dell’hashish da gustare immediatamente. Se invece utilizzate il più tradizionale metodo acqua/ghiaccio, ci vorranno un paio di giorni per farlo asciugare e, durante l’essiccazione, alcuni terpeni andranno persi – cosa che non succede con il ghiaccio secco. Se volete dell’hashish dal sapore ricco, intenso e piacevole, dovreste proprio provare quello realizzato con questo metodo.

 
https://www.dutch-passion.com/img/nieuws_org/make-dry-ice-hash-hasj-in-the-bag-dutch-passion-how-to-make-cannabis-seeds.jpgHow to make hash with dry ice?


Hashish a ghiaccio secco: gusto garantito!

Non appena il ghiaccio secco tocca i tricomi, le sue temperature estremamente basse bloccano tutti i terpeni e gli altri componenti aromatici, che invece verrebbero lavati via con il metodo acqua/ghiaccio. Ecco perché molti fan dell’hashish preferiscono produrselo da sé. Coltivare la propria cannabis da semi femminizzati o autofiorenti e usare il metodo del ghiaccio secco è il modo più economico per produrre hashish di altissima qualità.

Come produrre hashish con il ghiaccio secco
Luglio 30th 2019
Categorie : Prodotti Cannabici

lascia un commento