Posso portare la mia cannabis terapeutica in giro per l’Europa?

Posso portare la mia cannabis terapeutica in giro per l’Europa?

In molti credono che, nei prossimi anni, la legalizzazione della cannabis si diffonderà sempre più in Europa. Nel frattempo, i consumatori di cannabis terapeutica avranno bisogno di sapere se possono portare legalmente con sé la propria erba durante i loro viaggi. Sfortunatamente, poiché i primi sprazzi di legalità internazionale hanno cominciato ad intravedersi solo pochi anni fa, c’è ancora molto da fare in materia di leggi che consentano di viaggiare in sicurezza con la propria cannabis. Se vuoi viaggiare con la tua erba, fai le tue ricerche con molta attenzione, così da non finire nei guai.

La cannabis in Europa

Anche se la cannabis terapeutica è ora legale e facilmente acquistabile in molte nazioni europee, questo non vuol dire che ci siano leggi comuni all’interno dell’UE che permettano di viaggiare in sicurezza con la propria erba. In effetti, vien proprio da dire che c’è ancora molto lavoro da fare. Puoi portare la cannabis in Europa con te, ma è tua responsabilità conoscere le leggi dei paesi in cui stai viaggiando. Dovrai anche assicurarti di avere tutti i documenti necessari e di essere in regola con le leggi di ogni nazione che vorrai visitare. Fai attenzione: la burocrazia è noiosa e richiede molto tempo.

Viaggiare all’interno dello Spazio Schengen con la cannabis terapeutica

Se vuoi viaggiare fra i paesi dello Spazio Schengen dovrai compilare un documento. Qui c’è la versione olandese mentre, per ulteriori informazioni, puoi cliccare QUI. Tieni presente che ci vorranno circa 4 settimane per processare la tua richiesta quindi, se stai progettando di viaggiare in Europa con la tua cannabis terapeutica, dovrai fare un sacco di pianificazione in anticipo. Non aspettarti di poterti portare anche solo un grammo di cannabis fatta in casa o di hashish se hai organizzato una vacanza all’ultimo minuto con partenza il giorno successivo. Se vuoi viaggiare al di fuori dello Spazio Schengen, probabilmente ti servirà una lettera del tuo dottore e un passaporto sanitario.


Packing suitcase for travel with cannabis

 

Documenti e burocrazia

È fortemente consigliabile contattare l’ambasciata del paese in cui si vuole viaggiare per discutere ulteriormente la questione. Di solito basta una semplice e-mail o telefonata, a cui seguirà a breve una risposta. Tutto questo può sembrare una gran scocciatura, ma non è niente in confronto a quello che passeresti se venissi beccato all’estero con farmaci illegali. Per alcune persone, la possibilità di comprare cannabis è molto più importante di andare in vacanza in questo o quel paese. Molti consumatori di cannabis terapeutica, se non possono portare la propria erba con sé, semplicemente non viaggiano, oppure organizzeranno le loro vacanze in base alla legalità della cannabis nel paese che desiderano visitare.

Si può trasportare cannabis terapeutica coltivata in casa all’interno dell’Unione Europea?

Molti consumatori di cannabis terapeutica coltivano la propria erba con semi femminizzati o autofiorenti, ma questo non vuol dire che la possano portare all’estero. Infatti: solo 4 prodotti a base di cannabis specifici sono autorizzati. Eccoli qua:

 

Nome prodotto

Descrizione

Utilizzo

Tipo di prodotto

Sativex (Nabiximols)

1:1 THC:CBD

Sclerosi Multipla

Spray orale

Marinol

THC sintetico

Sclerosi Multipla, Cancro, AIDS

Capsula gelatinosa

Cesamet (Nabilone)

Composto sintetico di THC

Cancro

Capsula

Bedrocan

Fiori e buds di Cannabis

Moltissimi!

Infiorescenze confezionate con vari livelli di THC e CBD

 

Come si può notare dalle linee guida, questo delimita fortemente la possibilità di trasportare determinati tipi di cannabis. Se vuoi portare con te fiori e buds, devono essere Bedrocan. Probabilmente questa situazione cambierà in futuro, man mano che le leggi si modernizzano e la cannabis sarà prodotta da nuovi produttori europei. Per ora, comunque, se vuoi viaggiare nell’UE con prodotti a base di cannabis, le opzioni sono limitate e la cosa peggiore è che bisogna compilare un sacco di documenti obbligatori per assicurarsi di non finire nei guai. Non aspettarti di poter circolare liberamente in Europa con la tua cannabis preferita, la tua riserva d’hashish o di shatter e qualsiasi altro tipo di estratto di cannabis non approvato.



 - DutchPassion airplane flies cannabis seeds through Europe


Alternative per i consumatori di cannabis terapeutica che vogliono viaggiare in Europa

Trasportare illegalmente cannabis è un rischio che può rovinare qualsiasi vacanza, ma alcuni consumatori di cannabis terapeutica sono disposti a correrlo. Ovviamente, molto dipende dal paese che vuoi visitare. In alcune nazioni, ti confischerebbero solo alcune dosi. Altre nazioni non si faranno alcuno scrupolo nel rovinarti la vacanza, e in altri paesi ti sbatterebbero dentro senza pensarci. Probabilmente l’alternativa migliore è organizzare i tuoi viaggi/vacanze in paesi dove potrai comprare legalmente cannabis al tuo arrivo.

Spagna e Olanda: cannabis di qualità facilmente accessibile

In Spagna c’è un network di social clubs che vendono cannabis a prezzi ragionevoli, dopo l’iscrizione. La regione di Barcellona è particolarmente ben fornita di simili club. L’Olanda è una delle destinazioni più tradizionali e famose per gli amanti della cannabis. In particolare, nell’area di Amsterdam ci sono molti coffee shop di tutto rispetto, noti per avere cannabis della migliore qualità. I consumatori di cannabis che viaggiano in Nord America troveranno un ambiente ospitale in Canada, dove l’erba terapeutica e quella ricreativa sono legali. Negli USA, la cannabis terapeutica/ricreativa è stata legalizzata in quasi metà degli stati. Assicurati di fare delle ricerche prima di partire e di scegliere uno stato dove l’erba sia legale!

Posso portare la mia cannabis terapeutica in giro per l’Europa?
Settembre 3rd 2019

lascia un commento