La storia non raccontata delle varietà di cannabis autofiorenti

La storia non raccontata delle varietà di cannabis autofiorenti

Oggi i ceppi autofiorenti sono apprezzati e coltivati da un numero enorme di coltivatori in tutto il mondo. Le varietà autofiorenti si sono guadagnate la loro buona reputazione per i raccolti veloci e facili con livelli qualitativi pari ai migliori ceppi fotoperiodici.

Ma le varietà autofiorenti non hanno sempre goduto di una così buona reputazione. Le prime genetiche autofiorenti erano, nel migliore dei casi, di media potenza e di media resa. Quindi, come hanno fatto gli autofiorenti a compiere la transizione genetica verso prestazioni di alto livello?

Riassunto:
Cannabis ruderalis, la madre di tutte le autofiorenti
L'esperimento "Mexican Rudy" di The Joint Doctor
La collaborazione tra Dutch Passion e Joint Doctor
La prima generazione di semi di cannabis autofiorenti femminizzati
I ceppi autofiorenti classici moderni
Cosa riserverà il futuro per le autofiorenti?

Cannabis ruderalis, la madre di tutte le autofiorenti

Cannabis leaves - indica, sativa, hybrid, ruderalis

Accanto alla cannabis indica e alla cannabis sativa ci sono le varietà di cannabis ruderalis. Nel suo stato naturale la ruderalis ha livelli di THC molto bassi. Il principale vantaggio è l'insolita capacità di fiorire senza che le ore di luce del giorno siano ridotte a 12/12.

Usando questa caratteristica della ruderalis di non dipendere dal fotoperiodo, ha permesso alle autofiorenti moderne di fiorire sotto le 20-24 ore di luce giornaliera. Naturalmente, è stata necessaria una lunga selezione e un controllo genetico peculiare per aumentare il contenuto di THC la qualità in generale.

Vale la pena dire che molti dei primi genetisti della cannabis erano inizialmente scettici sul fatto che le limitazioni delle prime ruderalis potessero essere superate. Negli anni '80 c'era grande entusiasmo e interesse per la ruderalis. Ma c'erano anche parecchie convinzioni sul fatto che la potenza intrinsecamente bassa della ruderalis avrebbe limitato l’utilità.

History of autoflowers

L'esperimento "Mexican Rudy" di The Joint Doctor

La cannabis ruderalis era una curiosità nota a molti coltivatori di cannabis, anche se all'inizio degli anni '70 e '80 nessuno sapeva bene come utilizzare le genetiche ruderalis/autoflower a beneficio della comunità dei coltivatori. Migliorare la potenza mantenendo il ciclo di crescita veloce (senza dipendenza dal fotoperiodo) era l'obiettivo finale.

Joint Doctor è un breeder canadese che negli anni ’70 era uno studente universitario. Un suo amico gli diede alcuni semi che si credeva fossero un incrocio tra alcune varietà di cannabis messicane e Ruderalis.

Fu chiamata Mexican Rudy e fiorì più velocemente di qualsiasi cosa avesse visto. Mexican Rudy fu il primo tentativo di migliorare la potenza della Ruderalis mantenendo la capacità di fiorire senza una riduzione delle ore di luce.

Tuttavia, questo era solo un incrocio iniziale di prima generazione con poca somiglianza alle qualità ad alte prestazioni dei moderni semi autofiorenti. C'era ancora molto lavoro da fare e i primi sforzi di selezione di Joint Doctor avrebbero presto visto il contributo di un partner grande e impegnato.

La collaborazione tra Dutch Passion e Joint Doctor

Dutch Passion non è mai stata estranea alle sfide controverse della coltivazione della cannabis. Negli anni '90 Dutch Passion fu la prima a introdurre i semi femminizzati, nonostante molti dicessero che era impossibile crearli. Così, quando la Joint Doctor ha mostrato i primi potenziali dei semi autofiorenti, Dutch Passion ha subito unito le sue forze nei primi anni 2000.

Il team di Dutch Passion sapeva che ottenere livelli di potenza alla pari con i ceppi foto-dipendenti sarebbe stata una sfida chiave.

Ma la combinazione della competenza genetica e dell'esperienza di Dutch Passion con quella di The Joint Doctor e dei suoi primi autofiorenti innovativi si sarebbe rivelata una ricetta di successo.

La prima generazione di semi di cannabis autofiorenti femminizzati

Auto Mazar and Think Different

La prima generazione di semi autofiorenti femminizzati mostrava una caratteristica notevole. Potevano crescere dal seme al raccolto sotto 20 ore di luce giornaliera in circa 10-11 settimane. Il potenziale futuro era sotto gli occhi di tutti.

I coltivatori outdoor, anche con la più breve delle stagioni di coltivazione all'aperto, sarebbero stati in grado di ottenere raccolti outdoor facili e veloci. I coltivatori indoor potevano sperare di ridurre di parecchie settimane i loro cicli di coltivazione, il che significava che la coltivazione in casa si sarebbe semplificata e facilitata.

I primi ceppi automatici della Dutch Passion furono Auto Mazar e Think Different. I primi coltivatori di questi semi auto rimasero impressionati dalla velocità e dalla semplicità di queste genetiche. Anche i rendimenti sembravano sorprendentemente buoni. Ma la potenza non era ancora alla pari con i migliori ceppi fotoperiodici.

Nel corso degli anni seguenti, alcune messe a punto genetiche e alcune intelligenti tecniche di selezione hanno permesso ai semi autofiorenti di raggiungere la qualità delle migliori varietà foto dipendenti.

Slide thumbnail

Auto Mazar®

Mazar X Indica autoflower

Flowering

Autofiorenti

Environment

Esteriore

Family

Afghani Kush

Seed to harvest

10 settimane

Indica/Sativa

Indica

Yield

XL

THC

Elevata

Ordina Adesso

Auto Mazar®

Mazar X Indica autoflower

Flowering

Autofiorenti

Environment

Esteriore

Family

Afghani Kush

Seed to harvest

10 settimane

Indica/Sativa

Indica

Yield

XL

THC

Elevata

Ordina Adesso

Auto Mazar®

Mazar X Indica autoflower

Flowering

Autofiorenti

Environment

Esteriore

Family

Afghani Kush

Seed to harvest

10 settimane

Indica/Sativa

Indica

Yield

XL

THC

Elevata

Ordina Adesso

I ceppi autofiorenti classici moderni

Auto Cinderella Jack, a modern classic

Ai vecchi tempi i breeder di cannabis si chiedevano se la versione autofiorente di un particolare ceppo avrebbe avuto gli stessi livelli di qualità/THC della corrispondente versione a fotoperiodo.

Oggi, i breeders stanno lavorando duramente per garantire che le versioni dei ceppi fotoperiodici soddisfino gli standard forniti dai migliori autofiorenti! La selezione selettiva e il continuo miglioramento delle tecniche di breeding e delle genetiche autofiorenti ha permesso ai coltivatori di usufruire dei moderni ceppi auto senza alcun compromesso in termini di qualità e resa.

I migliori produttori di semi monitorano il profilo terpenico e il contenuto totale di cannabinoidi per assicurarsi che le nuove varietà auto soddisfino i più severi standard di qualità. Il più alto livello di THC visto su un'autofiorente è il 25,9% dell’Auto Cinderella Jack di Dutch Passion. Questo è più alto di quello che molti (forse potremmo dire "la maggior parte") ceppi fotoperiodici possono raggiungere.

Questi livelli di THC sono un mondo lontano dai livelli di media / bassa potenza visti sulle auto inconsistenti della prima generazione. Ma non è solo la potenza ad essere aumentata, anche i raccolti delle varietà auto moderne più pregiate sono di un altro livello rispetto alle auto di prima generazione.

L'energia della fotosintesi crea la biomassa dei bud resinosi. Consentendo alle autofiorenti la capacità di fiorire con circa il doppio delle ore di luce normali, la resa viene aumentata drasticamente. Al momento del raccolto, un'auto coltivata bene avrà spesso numerosi e pesanti fiori laterali che circondano un fiore centrale compatto e massiccio.

Molti coltivatori domestici preferiscono coltivare le auto durante i mesi invernali. Con le luci di coltivazione accese praticamente per tutto il giorno, le temperature della grow room indoor sono facili da mantenere anche nei climi freddi. I coltivatori all'aperto spesso hanno alcuni ceppi di autofiorenti che crescono insieme ai loro ceppi di guerriglia a fotoperiodo durante l'estate.

Molti coltivatori casalinghi, così come i produttori con licenza legale, trovano che gli autofiorenti siano un'alternativa veloce, conveniente e di alta qualità alla coltivazione di varietà a fotoperiodo.

Slide thumbnail

Auto Cinderella Jack®

(Cinderella 99 X Jack Herer) X Magnum

Flowering

Autofiorenti

Environment

Interiore/Esteriore

Family

Classics

Seed to harvest

10-11 settimane

Indica/Sativa

Ibrida

Yield

XL

THC

Estremo

Cup Winner

Premiato

Ordina Adesso

Auto Cinderella Jack®

(Cinderella 99 X Jack Herer) X Magnum

Flowering

Autofiorenti

Environment

Interiore/Esteriore

Family

Classics

Seed to harvest

10-11 settimane

Indica/Sativa

Ibrida

Yield

XL

THC

Estremo

Cup Winner

Premiato

Ordina Adesso

Auto Cinderella Jack®

(Cinderella 99 X Jack Herer) X Magnum

Flowering

Autofiorenti

Environment

Interiore/Esteriore

Family

Classics

Seed to harvest

10-11 settimane

Indica/Sativa

Ibrida

Yield

XL

THC

Estremo

Cup Winner

Premiato

Ordina Adesso

Cosa riserverà il futuro per le autofiorenti?

Auto Skywalker Haze, a new Dutch Passion auto

Le autofiorenti sono ora pienamente affermate tra i coltivatori indoor e outdoor. I migliori produttori di semi auto vi diranno che le autofiorenti sono ormai di qualità pari ai ceppi tradizionali fotodipendenti.

Ma attenzione, ci sono ancora molti venditori di semi auto di bassa qualità con prodotti estremamente incoerenti. Alcune piante rimangono nane, altre con bassi livelli di potenza.

La vittoria di qualche cannabis cup è spesso un segno che la seed bank prende sul serio il progetto breeding per la creazione di autofiorenti, riuscendo a creare e stabilizzare varietà autofioenti di livello top, in grado di competere con le fotoperiodiche anche nelle competizioni più difficili.

In futuro vedremo una maggiore diversificazione nelle genetiche autofiorenti. Oltre alle auto ricche di THC e CBD, sono disponibili diverse autofiorenti ricche di nuovi cannabinoidi, come l’Auto CBG-Force che produce piante con circa 15% di CBG, o l’Auto CBD-Victory che produce piante ricche di CBDV. I coltivatori medici possono usufruire di ceppi facili e veloci ricchi di nuovi cannabinoidi.

Naturalmente vedrete anche molte nuove auto ricche di THC. Le nuove auto Dutch Passion come Auto Skywalker Haze offrono livelli di THC costantemente alti in tutti i fenotipi. Sono disponibili anche le versioni autofiorenti di ceppi vincitrici di multiple Cannabis Cup come Mokum's Tulip (Auto Mokum's Tulip) e Kerosene Krash (Auto Kerosene Krash).

Slide thumbnail

Auto Skywalker Haze®

Skywalker Haze x Auto Amsterdam Amnesia

Flowering

Autofiorenti

Environment

Interiore

Family

Classics

Environment

Esteriore

Indica/Sativa

Sativa

Seed to harvest

12 settimane

THC

Estremo

Yield

XXL

Ordina Adesso

Auto Skywalker Haze®

Skywalker Haze x Auto Amsterdam Amnesia

Flowering

Autofiorenti

Environment

Interiore

Family

Classics

Environment

Esteriore

Indica/Sativa

Sativa

Seed to harvest

12 settimane

THC

Estremo

Yield

XXL

Ordina Adesso

Auto Skywalker Haze®

Skywalker Haze x Auto Amsterdam Amnesia

Flowering

Autofiorenti

Environment

Interiore

Family

Classics

Environment

Esteriore

Indica/Sativa

Sativa

Seed to harvest

12 settimane

THC

Estremo

Yield

XXL

Ordina Adesso

I ceppi autofiorenti sono progrediti rapidamente da una varietà che ha creato interesse e curiosità a un ceppo comprovato e conveniente per ottenere raccolti veloci e di alta qualità.

Se non avete ancora provato a coltivare gli autofiorenti, forse vi state perdendo un'erba tra le più facili e di alta qualità che abbiate mai coltivato.

Auto Cinderella Jack® - Time Lapse from Dutch Passion


We're back on Youtube! Hit the subscribe button to support us.


La storia non raccontata delle varietà di cannabis autofiorenti
Maggio 12th 2021
Categorie : Varietà di Cannabis

lascia un commento