Il futuro della cannabis: possibili evoluzioni dell’erba

Il futuro della cannabis: possibili evoluzioni dell’erba

Nell’ultimo ventennio il modo in cui le genetiche di cannabis vengono coltivate e utilizzate ha subito cambiamenti profondi, che hanno portato a innovazioni come i semi femminizzati e autofiorenti. Per il decennio 2020-2030 sono previsti cambiamenti ancora maggiori. La cannabis sta diventando un business legale di svariati miliardi di dollari e in molti si aspettano che possa arrivare presto a sfidare l’alcool per la supremazia fra le droghe ricreative. Per questo, molti investitori di spicco stanno investendo sulla ricerca sulla cannabis. L’erba ha appena iniziato il suo percorso verso la legalità e in futuro sarà radicalmente diversa da come la conosciamo adesso.


Come si è evoluta la cannabis negli ultimi vent’anni.

Alla fine degli anni ’90, la creazione di semi di cannabis femminizzati di Dutch Passion ha cambiato per sempre il mondo della coltivazione indoor. La possibilità di coltivare le piante nate da semi femminizzati di marijuana ha permesso al coltivatore medio di risparmiare tempo e spazio. Inoltre, negli ultimi 10-20 anni abbiamo anche assistito all’emergere di semi di cannabis ad alta concentrazione di CBD e semi autofiorenti. Tutte queste innovazioni sviluppate dalle aziende produttrici di semi di cannabis ha reso la coltivazione più facile e conveniente. La coltivazione e la produzione di semi di cannabis hanno subito molti cambiamenti negli ultimi due decenni. Aspettatevene ancora di più per i prossimi 10 anni!

Cosa sta succedendo ora nel mondo dei semi di cannabis?

Noi di Dutch Passion e altri produttori specializzati in semi di cannabis speriamo di poter rilasciare presto le prime varietà di cannabis ricche di CBG e THCV. Prima, era possibile trovare solo semi di varietà di cannabis ricche di THC o CBD. Il lancio di varietà ricche di CBG e THCV aprirà le porte ad una nuova era ricca di trasformazioni per la cannabis, nella quale nuovi cannabinoidi saranno coltivati selettivamente per scopi ed effetti specifici.

 

Nuovi semi di cannabis e nuovi cannabinoidi.

Forse la più grande novità per le varietà future di cannabis sarà l’arrivo di sempre più cannabinoidi “nuovi”, che genererà diversi effetti secondari. Potrebbe essere possibile coltivare varietà di cannabis che si adattino al sistema endo-cannabinoide di ognuno di noi. Potremmo scegliere fra varietà eccezionalmente calmanti, tonificanti, anti-ansia o in grado di stimolare pura euforia. I consumatori di cannabis medica potranno piantare semi di cannabis in grado di avere benefici specifici per particolari problemi di ordine medico. Questo comporterà un impegno serio in termini di tempo e denaro. Non ci sono mai stati così tanti investimenti nell’industria della cannabis e i business legali in luoghi come gli Stati Uniti, il Canada e altrove stanno guidando alcuni progetti di ricerca davvero affascinanti.

Nel prossimo decennio potremmo assistere ad un’era di trasformazione in cui le varietà di cannabis verranno coltivate per offrire molto di più rispetto al THC e al CBD, e Dutch Passion si impegna ad essere in prima linea in questo tipo di ricerche. Ci sono dozzine di cannabinoidi minori dei quali si sa ancora poco, e nei prossimi anni molti di essi saranno disponibili nella forma di semi di cannabis femminizzati con concentrazioni più elevate e arricchite.

 

new-cannabis-with-thcv-and-cbg

Nuovi sistemi di produzione della cannabis: sballarsi in mille modi diversi.

La spesa per la cannabis aumenta di anno in anno, sia da parte dei consumatori che degli investitori. I mercati in crescita attraggono molti investimenti interi e, man mano che la cannabis diventa mainstream, si cercheranno sempre nuovi metodi per assumere dosi specifiche di cannabis. I metodi attuali, come la vaporizzazione, saranno considerati troppo imprecisi e cederanno il posto a nuovi metodi di assunzione. Chi ne ha bisogno potrà assumere la sua dose di cannabis terapeutica attraverso i cerotti cutanei, grazie alle nanotecnologie in grado di aiutare a controllare le dosi esatte che raggiungono il flusso sanguigno. I prodotti commestibili e le bevande a base di cannabis saranno disponibili in diverse concentrazioni, permettendo così ai consumatori di sapere esattamente cosa stanno comprando e quali effetti avrà. Gli inalatori di cannabis, simili a quelli per l’asma, saranno disponibili sul mercato e forniranno una dose istantanea di cannabinoidi su misura per un’esperienza medica o ricreativa ottimale.

 

 cannabinoid mapping


Mappatura personalizzata del sistema endo-cannabinoide.

Una delle maggiori innovazioni per gli amanti della cannabis sarà la possibilità di mappare il proprio sistema endo-cannabinoide grazie alle future tecnologie. Il sistema cannabinoide è composto da una rete di recettori. I recettori cannabinoidi CB1 e CB2, scoperti negli anni ’90, sono coinvolti in una vasta gamma di processi fisiologici fra i quali troviamo il dolore, l’appetito, la memoria e l’umore. In molti sono convinti che ci siano molti altri recettori cannabinoidi ancora da scoprire. Si ritiene che ogni sistema endo-cannabinoide sia unico, il che vorrebbe dire che ognuno di noi potrebbe ottenere un’esperienza leggermente diversa dalla stessa varietà di cannabis. Quando comprenderemo appieno il sistema endo-cannabinoide, potremo cominciare a calibrare le varietà di cannabis per le esigenze precise di ognuno di noi, che siano esse il bisogno di trovare la varietà più felice ed euforica di sempre, o una varietà terapeutica che soddisfi requisiti altamente specifici.

Forse scopriremo che certe combinazioni di cannabinoidi hanno un effetto unico sul nostro sistema endo-cannabinoide. Considerando che ogni vanno vengono spesi sempre più miliardi di dollari per l’acquisto di cannabis, possiamo stare sicuri che prima o poi qualcuno riuscirà a svelare completamente i misteri sul modo in cui i cannabinoidi e i terpeni agiscono in ognuno di noi. La cannabis contiene decine di cannabinoidi e terpeni, alcuni dei quali servono ad amplificare gli effetti degli altri. C’è ancora molto da imparare sui numerosi effetti della cannabis. Le forze congiunte della legalizzazione e del potenziale finanziario faranno luce su molti di questi misteri che, sotto il tappeto del proibizionismo, non hanno potuto essere analizzati.

 

cannabis-of-the-future


Sarà possibile brevettare la cannabis?

Brevettare la cannabis potrebbe non essere così facile come molti puristi temono. Le compagnie farmaceutiche saranno sicuramente interessate alla prospettiva delle ricche ricompense finanziarie portate dai farmaci a base di cannabinoidi. Tuttavia un brevetto, anche se concesso, dura solo vent’anni e ottenerne uno che resista ad una sfida legale potrebbe essere particolarmente difficile per la cannabis: poiché la pianta cresce in natura e sono già stati realizzati molti prodotti con essa, c’è una gran quantità di “arte precedente” (o lavoro precedente) in circolazione, dunque non sarà facile dimostrare di aver trovato un uso completamente nuovo e degno di tutela brevettuale di questa pianta.

In molti cercheranno di brevettare tutto quello che possono, nella speranza di ricchezze future. Tuttavia, le grandi aziende farmaceutiche hanno a disposizione grandi budget per i contenziosi e, se una di loro tentasse in modo impertinente di brevettare una genetica o una tecnologia legata alla cannabis, le altre saranno pronte a contestare il brevetto in tribunale. Probabilmente i coltivatori domestici non dovranno preoccuparsi per qualsiasi ipotetico brevetto sulla cannabis: essi sono sempre stati in gradi di coltivare qualsiasi varietà di cannabis a loro piacimento, e sempre lo saranno. Se i brevetti colpiranno qualcuno, è probabile che si tratti di altre compagnie piuttosto che dei coltivatori domestici.

La cannabis nel futuro.

Per molti aspetti, in futuro la cannabis potrebbe sembrare simile a quella di oggi. La gente si divertirà a fumarla, mangiarla o vaporizzarla. Tuttavia potrebbero essere scoperti alcuni cannabinoidi nuovi ed interessanti, insieme a nuovi modi di comprendere come essi influenzano e soddisfano ognuno di noi in modo diverso.

 

 

Il futuro della cannabis: possibili evoluzioni dell’erba
Luglio 9th 2019

lascia un commento